act legal covers all major European business centres.
Warsaw | Amsterdam | Bratislava | Bucharest | Budapest | Frankfurt | Milan | Prague | Vienna
meet us at www.actlegal.com

x

Allerta coronavirus

Diritti dei datori di lavoro in relazione all’introduzione dello stato di emergenza epidemica

Il 13 marzo 2020 il Ministro della Salute ha annunciato lo stato di emergenza epidemica nella Repubblica di Polonia. Una delle conseguenze è la chiusura, in particolare, di alcune strutture commerciali e culturali.

Di seguito alcune osservazioni basilari sui diritti del datore di lavoro in relazione alla necessità di adempiere agli obblighi derivanti dal regolamento emanato dal Ministro della Salute.

Congedi

Il datore di lavoro non ha la possibilità di concedere ai dipendenti un congedo obbligatorio (ferie, non retribuite). Può concedere tale congedo solo se concordato individualmente con il dipendente.

Stipendio derivante dal rapporto di lavoro

In base alla normativa vigente, non è possibile dare una risposta vincolante alla domanda se i dipendenti abbiano diritto ad una retribuzione per il lavoro che non svolgono a causa della chiusura dei posti di lavoro a seguito dell’annuncio dello stato di emergenza epidemica.

In generale, i dipendenti hanno diritto alla retribuzione solo per il lavoro svolto e in altri casi solo se la legislazione lo prevede. Tali regolamenti comprendono norme relative alla retribuzione per il tempo di inattività ed ai tempi di inattività. Tuttavia, per poter ricevere questa remunerazione, devono essere soddisfatte alcune condizioni derivanti da queste norme, ad esempio che il dipendente rimanga pronto a svolgere il proprio lavoro.

Esistono diversi argomenti a sostegno del fatto che il datore di lavoro non sia obbligato a pagare i dipendenti per il periodo di inadempienza in relazione alla chiusura di un posto di lavoro a seguito dell’epidemia. Per considerare questo tema, tuttavia, dobbiamo tenere conto anche di altri aspetti importanti per il diritto del lavoro, in particolare la dimensione sociale, la distribuzione della responsabilità tra il dipendente ed il datore di lavoro e la posizione privilegiata del dipendente in questi rapporti.

Di conseguenza, i datori di lavoro dovrebbero essere disposti a pagare i loro dipendenti una retribuzione in condizioni di parità con la retribuzione per il periodi di sospensione.

Lavoro a distanza

Durante il periodo di rischio epidemico, ove possibile, il datore di lavoro ha ancora la possibilità di istruire il dipendente a svolgere un lavoro a distanza. Il dipendente ha quindi diritto alla stessa retribuzione che avrebbe ricevuto se avesse lavorato sul posto di lavoro.

Prestazioni di sicurezza sociale

Per quanto riguarda le assicurazioni sociali in relazione al coronavirus nel periodo di rischio epidemico, i dipendenti hanno diritto alle seguenti prestazioni previdenziali:
1) in caso di inabilità al lavoro a causa di affermazione della malattia di coronavirus – il dipendente ha diritto ad un compenso/indennità di malattia;
2) in caso di isolamento o quarantena confermata e documentata da un medico – stipendio/indennità di malattia;
3) se il dipendente presenta una richiesta per prendere cura del bambino di età inferiore agli 8 anni in relazione alla chiusura delle strutture di custodia e scolastiche – indennità di custodia supplementare di 14 giorni (che viene concessa in aggiunta ai diritti esistenti; tuttavia, questo diritto non può essere esercitato contemporaneamente da entrambi i genitori).

Rifiuto di svolgere lavoro

La dichiarazione dello stato di emergenza epidemica comporta la chiusura solo di una parte degli stabilimenti di lavoro. Gli altri svolgono il valoro come prima (qui spieghiamo, a seguito delle domande posteci, che la limitazione delle riunioni che superano le 50 persone non si applica ai datori di lavoro che impiegano più di 50 persone – se non svolgono le attività elencate nel Regolamento del Ministero della Salute possono lavorare normalmente).

Tuttavia, può accadere che un dipendente si rifiuti di fornire lavoro (casi del genere possono verificarsi soprattutto quando si tratta di negozi di alimentari, farmacie, lavanderie, che funzionano ancora). Di norma, il diritto del lavoro prevede tale diritto per i dipendenti se le condizioni di lavoro non sono conformi alle norme in materia di salute e sicurezza e rappresentano un rischio per la salute o la vita del dipendente o se il lavoro svolto dal dipendente rappresenta un rischio per altre persone. Tuttavia, questa disposizione è di natura molto specifica e si applica ai dipendenti in casi veramente eccezionali, in cui il rischio non esiste solo potenzialmente, ma è reale e obbiettivo.

Nella situazione attuale, si può ragionevolmente presumere che se il datore di lavoro fornisce misure di protezione (gel antibatterici, sapone, ecc.) ed ha informato i dipendenti delle regole di comportamento risultanti dalle linee guida delle autorità sanitarie per evitare l’infezione, non vi sono motivi per ritenere che il lavoratore possa effettivamente rifiutarsi di lavorare.

Tuttavia, si tratta di situazioni molto discrezionali che possono essere influenzate da una serie di fattori (ad esempio, dipendenti appartenenti a gruppi di rischio, malati di cancro, ecc.) e pertanto ciascuna di queste situazioni deve essere valutata individualmente.

Il PIP [Ispettorato del Lavoro] ha indicato nei comunicati emessi finora che un dipendente può rifiutare di recarsi in zone a rischio di Coronavirus.

Contatto

Ewa Bieniak
Avvocato / Of Counsel
ewa.bieniak@actlegal-bsww.com
+48 691 951 285

Piotr Pośnik
Avvocato / Partner
piotr.posnik@actlegal-bsww.com
+48 607 880 133

15.03.2020

Udostępnij

Attuazioni collegate

Notizie

Lo studio act BSWW legal & tax presta consulenza a 7R nell’emissione delle obbligazioni

La società Kallisto 17, appartenente al gruppo di sviluppo immobiliare 7R SA, ha collocato obbligazioni di un valore nominale di 41,3 milioni di PLN. I proventi dall'emissione saranno destinati alla realizzazione di un investimento logistico in Trecittà [Trójmiasto]. Le...

Notizie

act BSWW legal & tax assiste Interpump Group in una transazione internazionale del valore di 278 milioni di euro

Interpump Group S.p.A. ha acquisito dal Gruppo Danfoss la business unit White Drive Motors & Steering composta da tre società: polacca, tedesca e americana. Il valore della transazione ammontava a 278 milioni di euro. Il venditore - Danfoss è un fornitore globale d...

Notizie

Raccomandazione IFLR1000 per Michał Wielhorski

Michał Wielhorski – Managing Partner di act BSWW legal & tax – è stato raccomandato da IFLR1000 come Notable practitioner. Da circa 20 anni Michał offre consulenza in tutti i tipi di progetti immobiliari, compreso il finanziamento degli investimenti in tale settore...

Notizie

act BSWW legal & tax nelle transazioni di vendita dei parchi commerciali

Lo studio act BSWW ha prestato consulenza a Rank Progress nella vendita del parco commerciale Miejsce Piastowe e nella stipula del contratto preliminare di vendita del parco commerciale Pasaż Wiślany a Grudziądz. Il 29 luglio 2021 una società controllata di Rank Progre...

Notizie

act BSWW legal & tax consiglia a STRABAG Real Estate nella vendita di immobili a Varsavia

In seguito a uno sviluppo dinamico e ad una serie di nuovi investimenti incentrati su grandi progetti di sviluppo immobiliare, STRABAG Real Estate vende attività immobiliari più piccole selezionate. Una di queste transazioni è la vendita dell'immobile in via Canaletta i...

Notizie

Lo studio act BSWW legal & tax assiste 7R nell’emissione di obbligazioni

Lo studio ha prestato consulenza alla società del gruppo 7R SA nell'emissione di obbligazioni del valore nominale di 51 milioni di PLN. I proventi dell'emissione saranno destinati a finanziare tre progetti immobiliari a Danzica, Katowice e Cracovia. Le obbligazioni scad...

Scegliere